imm-004.png imm-005.png
imm-006.jpg imm-004.png imm-005.png
imm-006

I TAGLIA '80 cominciano la loro avventura all'inizio del 2009, in conseguenza di un progetto ideato da alcuni musicisti di Piove di Sacco e Padova. Dopo un paio di aggiustamenti arrivano alla formazione definitiva e iniziano a lavorare sodo. L'obiettivo è creare un repertorio tributo anni '80 di brani pop, dance e rock: dai Queen ai Toto passando per i Duran Duran e gli Spandau Ballet, ma anche da Kool & the Gang ed Earth, Wind & Fire ... per ricreare le atmosfere di quegli anni, ma con una chiave di lettura originale.

I componenti della band sono:


imm-070.jpg


Andrea BONALDO - Voce solista

Nasce il 18 marzo 1978 a Mirano (VE).
Appassionato di rock e progressive, tra i suoi gruppi preferiti troviamo tutte le classic band degli anni 70: Led Zeppelin, Black Sabbath, Deep Purple, Hendrix, the Who, King Crimson, Yes, ma soprattutto i Queen, band che grazie all’album Innuendo, lo appassionerà al genere e che lo accompagnerà da lì in poi.
Praticante di arti marziali (karate) fin dalla giovanissima età, cova il sogno di cantare in un gruppo per tutta l’adolescenza fino al 1997, ovvero fino a quando l’amico di “dojo” e bassista Mauro Catellani (Anime in plexiglass, T-side) gli propone di fare un provino come cantante, nel suo gruppo di allora che stava formandosi. Nascono così i VENUS HILL, band tributo all’hard e al glam rock anni 80. I VENUS HILL avranno vita breve, tanto che si esibiranno una sola, memorabile volta dal vivo.
Poco dopo, Mauro gli propone di seguirlo nel suo nuovo progetto, I KASHMIR, band orientata al rock 360, che proponeva brani dei RHCP, Hendrix, Deep Purple, Bon Jovi e altri artisti, miti del genere. Nel nuovo gruppo troverà, oltre al basso di Catellani, Simone Gallo alla batteria (Supernova, Hot for Teacher), Redi Michieletto (Shaman’s Blues, Redi Groovers) e Antonio Cazzin alle chitarre. Dopo qualche anno, il gruppo decide di proporre pezzi propri, cambiando genere e con esso il nome: EDEN-K. Dopo varie esibizioni e concorsi, con tre pezzi di loro fattura, riusciranno nel 2003 a salire sul palco della fase finale del Sanremo Rock, non riuscendo però a ottenere il podio della manifestazione. Dopo quella avventura, che portò comunque grande soddisfazione ed esperienza ai ragazzi, la band si scioglie.
Rimane per un paio d’anni nel limbo tra la ricerca del gruppo perfetto e la tentazione di smettere, fino a che, nel 2005, un altro compagno di karate, grande fan di Brian May, Matteo Barbato (Acdshow), gli propone di formare una Queen tribute band assieme ad un altro amico in comune di vecchia data, il bassista - chitarrista Michele “Muz” Trevisan (Silverado New Country Band). Tutti e tre sono appassionatissimi della band di Londra, e trovare l’intesa, tra loro, non è stato difficile. Si aggiungeranno ai tre Andrea Carraro alla batteria, Marco Giora alla chitarra e Alice Costantini alle tastiere (IRISH micro band). Con i THE GAME, questo il nome della tribute band, Andrea passerà tre fantastici anni, riuscendo finalmente e con molta soddisfazione a cantare i pezzi del suo primo mito musicale Freddie Mercury. La band suonerà in molti pub e locali della zona del veneziano, e addirittura in Germania, a Giebelstadt, cittadina vicina a Wolfsburg, prima di sciogliersi dopo la fuoriuscita di Marco Giora, poi mai più rimpiazzato dai rimanenti 4 componenti.
Nel 2010, assieme all’amico chitarrista Riccardo Pancolini (conosciuto in alcune session musicali), decide di fondare i THE PAINTER, band tributo ai Deep Purple. A loro si aggiungerà da subito il tastierista-organista, Alessandro Scandurra (Random), conosciuto poco prima da Andrea in una session, mentre Riccardo farà aggiungere alla band Daniele Talpo al basso (Best for Last, Groove Elation Band), e Diego Crivellari alla batteria. La band, ancora in attività, da allora mantiene la sua line-up originale.
Dall’estate del 2013 dopo essere stato contattato da Federico Bozzolan, entra a far parte di una storica band del padovano che di bella musica ne suona parecchia: i mitici TAGLIA 80!


imm-011.jpg


Valerio MARTINUZZI - Chitarra e cori

Valerio è nato a Firenze quando le foto ai pargoli si facevano ancora in bianco e nero, e “ha visto la luce” menzionata dai Blues Brothers intorno a 13 anni quando ha deciso di imparare a suonare la chitarra.
Le sue prime esibizioni in pubblico furono in occasione di funzioni liturgiche (insomma suonava alla messa) che come groove non erano un granché, ma non era ancora capace di intendere e di volere e quindi non ne ha colpa, la “fedina musicale” è rimasta pulita.
Con l’arrivo della fase ormonal-foruncolotica cominciò ad appassionarsi al suonare in gruppo, e fece parte di svariate bands rock e metal dove la regolazione degli amplificatori era “tutto a 10 !!!!” che duravano troppo poco per trovargli un nome.
Nel 1982 formò a Prato con altri musicisti i POPCORN, una band con circa 150 brani a repertorio dance, pop, rock, swing, revival e liscio con i quali ha fatto la professione fino al 1985 suonando mediamente 3/4 serate a settimana in locali e discoteche in Toscana, Lazio, Liguria ed Emilia Romagna. In quegli anni cominciò anche a scrivere musica propria insieme a musicisti e compositori in zona Prato e Firenze.
Finita quell’esperienza nel 1986 entrò a far parte dei NOISE REDUCTION, una band Fiorentina del genere pop che scriveva musica propria in lingua Inglese da proporre alle case discografiche, che si sciolse nel 1987 causa servizio militare di vari componenti.
Nel 1990 formò a Firenze i VERTIGO insieme a musicisti che condividevano l’ambizione di volere comporre musica propria da proporre al mercato discografico allo scopo di farne l'attività principale. La band scriveva musica del genere pop / rock in lingua Italiana, subì un riassetto con il cambio del nome in VENTIQUATTRORE e si sciolse nel 1999.
Nel 2000 contribuì a formare a Prato i T COME TIGRO, una cover band con un repertorio pop / rock che spaziava dagli anni ’70 agli anni 2000.
Nel 2005 si trasferisce a Istanbul, Turchia, dove ha sperimentato un po’ con vari gruppi che non sono mai decollati.
Rientrato in Italia nel 2008, entra a far parte dell’ ARSENIO LUBAND di Prato, una cover band con un repertorio pop / rock che attingeva dagli anni ’70, ’80 e ’90.
Nel 2009 si trasferisce a Padova, ed entra a far parte dei TAGLIA ’80.


imm-012.jpg


Stefano RIGHES - Basso

La mia ‘carriera’ musicale inizia a ca. 13 anni quando i miei genitori mi regalano una chitarra classica per Natale dopo aver recepito la mia passione per la musica che avevo fino ad allora coltivato ascoltando quello che passa alla radio. Registro i brani che più mi piacciono su un registratore a cassette. Inizialmente vado a lezione di chitarra classica con entusiasmo che nel tempo però subirà una certa flessione quando, facendo rapidi progressi, mi rendo conto che bisogna studiare un po’ di più per farne ulteriori…in quegli anni inizio ad apprezzare il fatto di suonare insieme ai miei amici e compagni di classe. Scopro che quasi tutti suonano la chitarra e sono anche bravi. Quindi mi limito a fare il chitarrista ritmico senza grandi ambizioni di voler fare dei soli che neanche sono capace di eseguire…
Quando ho 16 o 17 anni la scuola di musica dove vado a lezione di chitarra organizza un concerto con gli alunni ed il mio insegnante imposta una band elettrica. Ovviamente, ci sono un sacco di chitarristi che vogliono fare colpo sulle ragazze, così decido di provare con il basso. Il mio insegnante mi procura una copia di un Rickenbacker ed è fatta: per la prima volta sperimento questo strano strumento dalle corde grosse il quale nessuno nota, ma tutti se ne accorgono quando non c’è! L’esperienza mi piace e comincia ad interessarmi il fatto di essere l’elemento che unisce ritmo e armonia. Continuo comunque ancora per un anno con le lezioni di chitarra, ma quando durante una festa dal mio compagno di classe ascolto per la prima volta un disco dei Level 42 vengo colpito da un fulmine! A stento riesco a riprendermi e mi chiedo come possa essere possibile suonare il basso in questo modo con il quale Mark King riesce a dare quel groove irresistibile alla loro musica. Credo sia il momento in cui realizzo che il basso ed io saremo una cosa sola! Dopo questo momento cruciale mi faccio prestare un basso ed inizio a studiare quella strana tecnica dello ‘slap’ giorno e notte. Registro su cassetta gli LP dei Level 42 ed i miei genitori iniziano a preoccuparsi chiedendosi quale sia il divertimento di ‘martellare’ in modo così ostinato le corde di un basso con il pollice. Un mio amico bassista mi insegna le basi di questa tecnica spettacolare e poi pian piano con grande soddisfazione riesco a suonare i primi giri di basso in slap. Ha inizio un periodo di approccio alle prime ‘jam session’ con gli amici, i brani improvvisati durano anche 20 minuti e mi diverto un mondo con il basso. Conservo ancora una cassetta con la registrazione di una di queste prime ‘jam’ con il basso prestato…
A Settembre del 1983 arriva il momento di andare al mio primo concerto dei Level 42 per vedere il mio nuovo idolo Mark King al basso, vado con mio fratello che dopo le prime note non riesce a sostenere il volume e si mette delle palline di carta nelle orecchie. Io invece sono letteralmente ‘spazzato via’ e rimango stregato dal groove e dalla musica suonata in modo così coinvolgente che risalta il basso come non avevo mai sentito prima. Fino ad oggi non smetterò mai di ispirarmi a Mark King e continuo ad andare ai concerti dei Level 42, un fatto che suscita stupore e incredulità in mia moglie…
Compro il mio primo basso (un Aria Pro II) e poco prima dell’esame della maturità – siamo all’inizio del 1985 – entro nella mia prima band seria: i PARVENUE. Suoniamo pezzi propri e ricordo come fosse ieri l’esordio assoluto su un palco vero di un locale all’epoca molto gettonato ad Hannover. Lo ricordo in modo particolare perché oltre agli amici erano presenti mia zia e mio nonno! Lascio il gruppo poco dopo perché a Settembre di quell’anno parto alla volta di Padova per studiare (+ o meno…) all’Università. Ricordo un concerto improvvisato al collegio Antonianum ed un ‘vero’ concerto che vado a vedere a Mestre: c’è un certo Jaco Pastorius che sarà in tour per l’ultima volta…
L’anno successivo sono di nuovo in Germania, precisamente a Francoforte, e mi aggrego ad un gruppo che suona Fusion, cioè cover degli Yellowjackets, Mike Stern, Billy Cobham, Lee Ritenour, ecc. Facciamo qualche data con il nome di TOPINAMBUR e devo dire che questo gruppo mi ha fatto crescere molto a livello tecnico e di ascolto. Non è facile imparare i pezzi avendo solo il registratore a nastro ed il giradischi come fonte.
Al rientro ad Hannover inizio un progetto assieme a 3 amici che quando ci ripenso mi esalta ancora oggi: gli APEX o ZOOM (non abbiamo mai definito un nome per la band) durano un paio di anni, due sole date fatte, ma tanta soddisfazione suonando alcune cover, tra cui quelle di Peter Gabriel, Genesis, Level 42, Grace Jones e Chick Corea, oltre a qualche brano proprio molto sperimentale. Conservo gelosamente alcune registrazioni fatte nella sala prove che ascolto spesso.
Nel 1989 mi iscrivo alla Facoltà di Lingue Straniere Moderne (Traduzione ed Interpretariato) all’Università di Saarbruecken ed entro a far parte dei JUST FOR FUN fino al termine degli studi nel 1995, un gruppo cover di cui ho un bel ricordo. Suoniamo musica Pop e Rock internazionale anni ‘80 e qualche pezzo dei primi anni ‘90, ma sempre di un certo livello divertendomi molto durante vari concerti in locali e sagre.
Alla fine degli studi decido di ‘rimpatriare’ a Padova e dopo qualche inizio stentato con varie formazioni più o meno stabili, ed una parentesi in occasione del concorso Rock Targato Italia con gli EDIMAR, nel 2005 mi unisco ai VITAMINA V, un gruppo decisamente Rock. Facciamo cover Rock al femminile e spaziamo da brani di Elisa a quelli di Anouk e Alanis Morissette ed in varie occasioni dal vivo mi diverto parecchio con questo gruppo esplosivo.
Nel 2006 mi arriva una telefonata dal chitarrista e cantante degli UEMMEPI (ex-Edimar) con la proposta di entrare a far parte del gruppo e accetto con entusiasmo. Ho la possibilità di re-incidere 3 brani del cd ‘Colore’ con pezzi inediti e di girare un video con loro, tutte esperienze nuove e molto gratificanti. Ritengo che la nostra musica di stile Pop-Rock ed i testi soprattutto siano molto validi, ma si sa che i pezzi propri sono difficili da vendere. Stiamo al momento tentando la strada dei concorsi, in questo modo almeno abbiamo la possibilità di suonare la nostra musica.
Faccio parte dei TAGLIA ‘80 dall’inizio del 2009 suonando la musica con cui sono cresciuto musicalmente ed alla quale sono più affezionato facendomi fare un salto nel passato di grandi emozioni!


imm-013.jpg


Federico BOZZOLAN - Batteria

Nato nel 1977, ho cominciato a sbattere su pentole e bacinelle dall’età di 12 anni, culminando nell’esibizione in playback al saggio di fine anno alle medie, nella quale impersonavo Ringo Starr, (i Beatles), con una batteria fatta di scope (aste), strisce e dischi di cartone (tom e piatti), messi insieme con la fantasia di chi non ha visto la batteria solo per tv.
A 17 anni riesco a racimolare qualche soldo per noleggiarmi una batteria vera, per vedere se il suonarla mi piace veramente. A 18 anni la compro (quella noleggiata) e comincio brevi avventure con gruppi e “musicisti” locali, e a prendere lezioni di teoria.
Qualche anno dopo, scioglimenti volontari e non, mi costringono a cercare altre persone con cui suonare. Nel 2000, tramite amici in comune, conobbi Denis, attuale tastierista dei TAGLIA '80, con il quale inizia un sodalizio musicale, e non solo, che dura fino a oggi.
Con Mattia (cantante) fondiamo gli ATHEMA, cover band anni 80, repertorio solo per veri appassionati, con i quali abbiamo vari avvicendamenti di musicisti. Nel 2005, decidiamo di restare in 3, perché la ricerca di musicisti con i nostri gusti era diventata impossibile, ma riusciamo a fare molte serate, più del previsto. Basi, batteria elettronica, click, sequenze, abbiamo dovuto imparare quasi da zero la programmazione delle basi… insomma ci siamo dati da fare, e anche se le date arrivano, il sound globale che ne deriva è un po’ “confezionato”, senza botto. Si aggiungono alcuni progetti musicali di Mattia, che lo portano a Londra per svilupparli. Noi, Denis ed io, non ci perdiamo d’animo, tramite amicizie e annunci, facciamo varie selezioni. Nel frattempo porto avanti con mio fratello (chitarrista) un progetto cover rock al femminile (ROXANNE), nel quale rientra Denis, per la dipartita del tastierista. Ora, dall’anno scorso, abbiamo fondato i TAGLIA '80.


imm-112.jpg


Mister K - Tastiere, Pianoforte e cori

Il tastierista - pianista ce l'abbiamo, ma è meglio per voi non sapere chi è e cosa ha fatto, il vostro sonno potrebbe non essere più lo stesso .........

Il nostro repertorio è un'accurata selezione di brani del genere pop / rock / dance degli anni '80. Abbiamo scelto tra i migliori e i più popolari dell'epoca, e alcune canzoni sono state raggruppate in medley di grande effetto.
Se desiderate potete scaricarlo in formato imm-007.gif

Titolo Band / Cantante
Medley: Sirius +
Mammagamma +
Another brick in the wall
Alan Parson Project
Pink Floyd
This is not AmericaDavid Bowie
Enjoy the silenceDepeche Mode
Long train runningDoobie Brothers
Save a prayerDuran Duran
Medley: Here comes the rain again +
It’s my life
Eurythmics
Talk Talk
Medley: Welcome to the pleasure dome +
Relax +
Wild boys +
Notorius
Frankie goes to Hollywood
Duran Duran
What is loveHoward Jones
Medley: Original sin +
New sensation +
Dancing with tears in my eyes
INXS
Ultravox
Medley: Footloose +
Far from over +
Maniac
Kenny Loggins
Frank Stallone
Michael Sembello
Love gamesLevel 42
Medley: Running in the family +
The power of love
Level 42
Huey Lewis & the News
Easy loverPhil Collins & Philip Bailey
I want to break freeQueen
Medley: Another one bites the dust +
Need you tonight
Queen
INXS
Medley: Ai no corrida +
Le freak +
Celebration +
September
Quincy Jones
Chic
Kool & the Gang
Earth, Wind & Fire
Medley: Voices +
The look +
Sledgehammer
Russ Ballard
Roxette
Peter Gabriel
SpacerSheila and B. Devotion
Medley: Don’t you (forget about me) +
A kind of magic
Simple Minds
Queen
Something got me startedSimply Red
GoldSpandau Ballet
The logical songSupertramp
Medley: Burning Heart +
No Easy Way Out +
Livin' on a prayer
Survivor
Robert Tepper
Bon Jovi
Everybody wants to rule the worldTears for Fears
Hold the lineToto

I TAGLIA '80 sono ubicati a Padova, in Veneto.

E-MAIL

info@taglia80.it

TELEFONI

347 66.59.583 (Federico Bozzolan)
347 06.39.032 (Stefano Righes)
338 62.09.722 (Valerio Martinuzzi)
347 53.66.373 (Andrea Bonaldo)

imm-029.jpg

www.facebook.com/group.php?gid=136222256355
imm-018.gif
Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS

© Copyright TAGLIA '80 - Tutti i diritti riservati

Contatore visite gratuito

I TAGLIA '80 tribute band anni '80 nascono da un progetto di musicisti di Piove di Sacco e Padova, Veneto, Italia. I componenti del gruppo sono:

Nasco a Piove di sacco, Padova, Veneto, Italia, poi affitto un sintetizzatore. Un anno dopo inizio l'avventura con gli ENTROPIA, gruppo, forse uno dei pochi al tempo, cover Pink Floyd. Con loro vivo una bella esperienza di vita musicale, diventando uno dei gruppi più conosciuti della bassa padovana, facendo concorsi, feste, sagre, locali, pub, brasserie, ristoranti, alternando scalette e repertori con rock, pop, dance inglese. In questi anni la band è più unita ed ha più tempo per fare musica, nel seguente decennio la musica dal vivo è un continuo susseguirsi di vai e vieni tra musicisti e cantanti per andare a compensare quelle 2/3 serate racimolate. In uno di questi concerti conosco Federico. Con Fede inizio l'esperienza ATHEMA gruppo cover 80/90 dove si fa un repertorio che va dai Depeche Mode, U2, Cure, Simple Minds ecc. Stefano lascia la band, che continua comunque e impronta il repertorio in anni 80. Molti concerti, perché il trio dava la possibilità di fare locali piccoli e quindi d'avere una maggiore possibilità di esibirsi. Poi la band si scioglie. Metto in piedi un'altro tributo Pink Floyd, così si formano i PINK PASSION, gruppo che riesce a trovare e mantenere un equilibrio di concerti venuti sempre meno con l'avanzata dei supergruppi dediti a quel genere, quindi il gruppo si scioglie. Entra in ballo Fede,che ni coinvolge nel progetto ROXANNE cover band 360 gradi al femminile. Quindi.......coinvolto dai GAS PANIC, entro a far parte di questo gruppo tributo Oasis. Inizialmente la band parte con Matteo. Poi inizio anche l'avventura con i TAGLIA 80. Preferisco tenere gli anni 80,anche se l'allontanamento dai Gas Panic non ha fatto perdere l'amicizia con il gruppo, anzi nell'estate 2010 ho avuto modo di fare un paio di concerti.

Valerio è nato a Firenze, Toscana, Italia, e ha deciso di imparare a suonare la chitarra elettrica. I suoi primi concerti pubblici furono in occasione di funzioni liturgiche. Poi cominciò ad appassionarsi al suonare nelle bands, e fece parte di svariati gruppi rock, metal, pop, dance. Formò a Prato, Toscana, Italia con altri musicisti i POPCORN, un gruppo con circa 150 brani a repertorio dance, pop, rock, swing, revival e liscio con i quali ha fatto la professione suonando mediamente 3/4 concerti a settimana in locali, pub, birrerie, brasserie, feste, sagre, matrimoni, ristoranti e discoteche in Toscana, Lazio, Liguria ed Emilia Romagna. In quegli anni cominciò a scrivere musica propria insieme a musicisti, autori e compositori in zona Prato e Firenze, Toscana, Italia. Finita quell’esperienza entrò nei NOISE REDUCTION, un gruppo Fiorentino del genere pop, rock, dance. Quindi formò a Firenze, Toscana, Italia i VERTIGO. Il gruppo scriveva musica del genere pop, rock, dance. Poi contribuì a formare a Prato, Toscana, Italia i T COME TIGRO, un gruppo tributo anni 80 con un repertorio pop, rock, dance. Nel 2005 si trasferisce a Istanbul, Turchia, dove ha sperimentato un po’ con varie bands. Rientrato in Italia, entra a far parte dell’ ARSENIO LUBAND di Prato,Toscana, Italia, un gruppo tributo con un repertorio pop, rock, dance che attingeva dagli anni ’70, ’80 e ’90. Infine si trasferisce a Padova, Veneto, Italia ed entra nei TAGLIA ’80.

Inizio a suonare quando i miei genitori mi regalano una chitarra elettrica dopo aver recepito la mia passione per la musica che avevo coltivato ascoltando quello la radio. Registro i pezzi che più mi piacciono su un registratore a cassette. Vado a lezione di chitarra elettrica con entusiasmo. Scopro che quasi tutti suonano la chitarra acustica e sono anche bravi. Quindi faccio il chitarrista ritmico senza fare degli assoli. Poi la scuola di musica dove vado a lezione di chitarra elettrica organizza una serata e il mio insegnante imposta un gruppo elettrico. Ovviamente, ci sono un sacco di chitarristi, così decido di provare con il basso. Il mio insegnante mi procura una copia di un Rickenbacker: per la prima volta sperimento questo strano strumento dalle corde grosse il quale nessuno nota. Comincia ad interessarmi l’elemento che unisce ritmo, melodia e armonia. Continuo comunque con le lezioni di chitarra elettrica, e durante una festa dal mio compagno di classe ascolto per la prima volta un long playing, LP dei Level 42! Mi chiedo come possa essere possibile suonare il basso in questo modo con il quale Mark King riesce a dare quel groove irresistibile alla loro musica. Credo sia il momento in cui realizzo che il basso ed io saremo una cosa sola! Dopo questo momento prendo un basso ed inizio a studiare la tecnica dello ‘slap’. Registro su cassetta long playing dei Level 42 ed inizio a ‘martellare’ le corde di un basso con il pollice. Apprendo le basi di questa tecnica e poi riesco a suonare i primi giri di basso in slap. Ha inizio il periodo delle prime ‘jam session’ , i pezzi improvvisati durano molto e mi diverto un mondo con il basso. Conservo ancora una cassetta con la registrazione di una di queste prime ‘jam’ con il basso prestato. Poi arriva il momento di andare alla mia prima serata dei Level 42 per vedere il mio idolo Mark King al basso. Io invece sono letteralmente ‘spazzato via’ dal groove e dalla musica suonata che risalta il basso. Continuo ad andare alle serate dei Level 42. Compro il mio primo basso (un Aria Pro II, Fender, Gibson, Ibanez) e entro nel mio primo gruppo serio: i PARVENUE. Suoniamo brani propri e ricordo l’esordio su un palco vero di un locale, festa, sagra, pub, birreria, brasserie, ristorante, matrimonio, all’epoca molto gettonato ad Hannover, Germania. Lascio la band perchè parto alla volta di Padova, Veneto, Italia. Ricordo una serata improvvisata al collegio Antonianum ed una ‘vera’ serata che vado a vedere a Mestre, Veneto, Italia: c’è un certo Jaco Pastorius, Weather Report, che sarà in tour per l’ultima volta. Poi di nuovo in Germania, Francoforte, e mi aggrego ad un gruppo Fusion, rock, pop, dance, cioè cover degli Yellowjackets, Mike Stern, Billy Cobham, Lee Ritenour, ecc. Facciamo qualche concerto, serata con il nome di TOPINAMBUR. Non è facile imparare i brani avendo solo il registratore a nastro ed il giradischi. Al rientro ad Hannover, Germania, inizio un progetto: gli APEX o ZOOM (mai definito un nome per il gruppo) durano poco, due soli concerti fatti, ma soddisfazione suonando alcune cover, tra cui quelle di Peter Gabriel, Genesis, Level 42, Grace Jones e Chick Corea, oltre a qualche pezzo proprio molto sperimentale. Conservo gelosamente alcune registrazioni fatte nella sala prove che ascolto spesso. Poi a Saarbruecken, Germania, entro a far parte dei JUST FOR FUN, una tribute band. Suoniamo musica Pop, Rock, dance internazionale anni ‘80 e qualche pezzo dei primi anni ‘90, ma sempre di un certo livello divertendomi durante varie serate in locali, pub, birrerie, brasserie, ristoranti, feste, matrimoni e sagre. Poi torno a Padova, Italia e dopo qualche inizio stentato con varie formazioni più o meno stabili, ed una parentesi in occasione del concorso Rock Targato Italia con gli EDIMAR, nel 2005 mi unisco ai VITAMINA V, una band decisamente Rock, pop, dance. Facciamo cover Rock, pop, dance al femminile e spaziamo da brani di Elisa a quelli di Anouk e Alanis Morissette ed in vari concerti live mi diverto con questa band esplosiva. Poi arriva una telefonata dal chitarrista e cantante degli UEMMEPI (ex-Edimar) con la proposta di entrare nella band. Ho la possibilità di re-incidere 3 brani del cd ‘Colore’ con brani inediti e di girare un video. Ritengo che la nostra musica di stile Pop-Rock ed i testi soprattutto siano validi, si sa che i brani propri sono difficili da vendere. Stiamo tentando la strada dei concorsi, in questo modo almeno abbiamo la possibilità di suonare la nostra musica. Faccio parte dei TAGLIA ‘80 suonando la musica con cui sono cresciuto musicalmente ed alla quale sono più affezionato.

serate, eventi, esibizioni

Taglia 80 - Tribute band anni 80

Taglia 80 è una cover band che propone un repertorio basato sulla musica degli anni 80

GRUPPO

Comincio brevi avventure con bands e “musicisti” locali. Nel 2000 ho conosciuto Denis, attuale pianista dei TAGLIA '80. Fondiamo poi un gruppo tributo anni 80.

Nato a Mirano, Venezia, Italia. Gli piacciono molto i gruppi rock Led Zeppelin, Black Sabbath, Deep Purple, Hendrix, the Who, King Crimson, Yes, Queen.
Dopo un provino come cantante entra nei VENUS HILL, gruppo musicale hard e glam rock anni 80. Poi entrò nel gruppo KASHMIR che suonava rock a 360 gradi. Poi il gruppo inizia a proporre brani di propria composizione, cambiando nome in EDEN-K. Forma poi una band tributo ai Queen chiamata THE GAME. Il gruppo suonerà molti pub e locali della zona di Venezia e Mestre, e perfino in Germania. Nel 2010 fonda i THE PAINTER, gruppo tributo ai Deep Purple. Nell'estate 2013 diventa il cantante voce solista dei TAGLIA 80.

Andrea CECCONI - Voce solista

Nasco a Padova il 5 ottobre 1974 e inizio a cantare praticamente subito … ma la carriera vera e propria inizia nel 1992 quando dai canti in chiesa si passa all’hard rock: i MONOGAMIA sono il mio primo gruppo, con Matteo e Luca Realdi, Filippo Ferrari, Alberto De Rossi e Antonio Lanzillotti; dopo 5 anni di meravigliose avventure anche all’estero, gli elementi del gruppo prendono strade diverse e inizia una nuova avventura: una band R&B di 9 elementi: i SOUTHERN COMFORT; all’attivo poche serate ma tanto divertimento, per oltre un anno.
Nel 1998 inizia l’avventura PIANOBAR INSOLITO con alle tastiere Andrea Badan; matrimoni, feste e serate in pub … divertimento puro; spesso il duo diventa trio con la voce della fantastica Donatella Badan.
Ma la voglia del live con una band è tanta e grazie al mitico giornale Portobello, nel 1999 conosco Marco Rossetto e Marco Di Battista e nascono i CAPITAN HARLOCK: 5 anni stupendi, con un alternarsi di musicisti di alto livello; musica a 360 gradi rock-pop-dance e numerose serate all’attivo.
A fine 2005 i CAPITAN HARLOCK si sciolgono e, un po’ deluso, decido per un periodo di pausa dalla musica.
Ma la vita senza la mia grande passione mi appare grigia e sento che mi manca qualcosa.
A fine 2008 inizio a riaffacciarmi nel mondo della musica live, con vari provini in vari gruppi e ad inizio 2009 ho la fortuna di conoscere, grazie al mercatino Musicale, dei ragazzi /musicisti di elevato spessore musicale ed umano: Denis Benaglia alle tastiere, Federico Bozzolan alla batteria, Alessandro Viola alla chitarra, con i quali è amore a prima vista; arriva anche un bassista di talento con una esperienza straordinaria: Stefano Righes; dopo 4 mesi al posto di Alessandro arriva alla chitarra Valerio Martinuzzi e … i TAGLIA ‘80 iniziano la loro avventura live.
In contemporanea con i TAGLIA ‘80 per un breve periodo canto anche nella tribute Band nomadi STATUS SYMBOL, con Steve, Andrea, Debora e Claudio, con grande soddisfazione, ma tra gli impegni di lavoro ed il progetto TAGLIA ‘80 che cresce sempre più, sono costretto ad abbandonare.
Nei TAGLIA ‘80, Il genere musicale è condiviso e ben delineato : anni ‘80 a 360 gradi ma senza mai trascurare la qualità musicale e senza cadere nel commerciale puro …. questo per me e per noi è fare musica …. far divertire ma divertirsi e offrire un prodotto musicale di qualità; ma, cosa per me fondamentale, abbiamo tra di noi un ottimo rapporto personale che ci permette ogni giorno di crescere insieme e di trasmettere al pubblico la nostra passione (dice un saggio della comunicazione “…. Non è importante ciò che parte, ma ciò che arriva …”).
RINGRAZIAMENTI SPECIALI: ringrazio tutti i musicisti con cui ho avuto l’onore di suonare sino ad oggi, in particolare: Alberto De Rossi, Antonio Lanzillotti, Filippo Ferrari, Marco Di Battista (DIBA), Andrea Badan, che con la loro maestria e con il loro talento, mi hanno fatto crescere e raggiungere obiettivi straordinari; ringrazio i TAGLIA ‘80 con i quali continuo il mio percorso di crescita musicale ed umana; ringrazio i miei genitori che ora sono in cielo, ma che mi hanno sempre spronato a continuare la mia “carriera” musicale , nonostante le delusioni e le difficoltà; infine ma non ultima (anzi) ringrazio CON TUTTO IL MIO CUORE mia moglie Alessandra che da quando è la mia compagna, non ha mai mancato ad una mia serata e mi ha preso per mano nei momenti difficili, affinché continuassi sempre a coltivare questa mia grande passione che è CANTARE.

Nasco a Padova, Veneto, Italia. La carriera vera e propria inizia quando si passa all’hard rock, pop, rock, dance : i MONOGAMIA sono la mia prima band; poi gli elementi della band prendono strade diverse e inizia una nuova avventura: un gruppo R&B di 9 elementi: i SOUTHERN COMFORT; Dopodichè inizia l’avventura PIANOBAR INSOLITO; matrimoni, feste, sagre, e concerti in pub, locali, brasserie, ristoranti; spesso il duo diventa trio. La voglia dal vivo con un gruppo è tanta: musica a 360 gradi rock, pop, dance e numerosi concerti. Inizio a riaffacciarmi nel mondo della musica dal vivo, con vari provini in varie bands. Dopo arriva alla chitarra Valerio Martinuzzi e … i TAGLIA ‘80 iniziano la loro avventura dal vivo. In contemporanea con i TAGLIA ‘80 canto anche con il gruppo tributo nomadi STATUS SYMBOL.

Musician Land - Let's talk about music Boss GT-10 Guitar Effects Pedal: How to Make the Connections Musician Land - Parliamo di musica Amplificatori per Chitarra: i Migliori Consigli sulle Valvole Smart Organizer - Simplify your life